FUNZIONE, FORMA E FASI LUNARI

Il dipartimento Patrimonio Audemars Piguet ha recentemente pubblicato: “Un salto nel tempo”, il primo di una serie di articoli che scavano nell’universo degli orologi con calendario completo e calendario perpetuo prodotti nel corso del XX secolo. Il prossimo capitolo - Funzione, Forma e Fasi lunari - illustra la grande influenza che il calibro 9/10RSQ Audemars Piguet ha avuto sull’evoluzione dell’orologio da polso con calendario e su svariati altri design orologieri sviluppati fra la fine degli anni 1940 e gli anni 1960.

La storia del calibro 9/10RSQ è un affascinante e importante capitolo della saga della Maison poiché illustra in modo diretto la rarità delle complicazioni Audemars Piguet, nonché l’assoluta creatività e le abilità degli orologiai, degli artigiani dediti alla fabbricazione delle casse, di quelli che si occupano della realizzazione dei quadranti e dei tecnici che hanno dedicato il loro tempo e i loro talenti all’azienda. Il calibro 9/10RS è stato prodotto in 2.811 unità, tuttavia la stragrande maggioranza erano orologi con la sola funzione di misurazione del tempo poiché solo 68 esemplari sono stati dotati di calendario e poi designati 9/10RSQ. I 68 calibri con calendario completo sono stati distribuiti fra quattro diversi modelli (referenze 5504, 5513, 5514 e 5515) che insieme offrono un’incredibile varietà di dimensioni delle casse, stili ed estetica generale.

Prima di evidenziare ciò che differenzia fra loro quattro modelli è importante concentrarsi su ciò che li unisce: il calibro 9/10RSQ. Gli ébauche per questi calibri importanti sono stati forniti da Louis-Elysee Piguet. I movimenti circolari sono poi stati completati e ampiamente rifiniti dagli orologiai Audemars Piguet: le côtes de Genève sui ponti a serpentina, il perlage o la finitura spazzolata sulle piastre di fondo, le smussature lucidate e le superfici spazzolate per tutti i componenti in acciaio e le viti lucidate a specchio sono stati tutti realizzati da mani esperte con estrema cura e precisione. Questi 68 calibri con calendario completo sono stati tutti prodotti fra il 1945 e il 1950, poi venduti fra il 1949 e il 1967.

La storia del calibro 9/10RSQ fornisce un’immagine chiara dell’assoluta creatività e rarità degli orologi da polso con calendario Audemars Piguet. Anche se delle quattro referenze sono stati realizzati in totale solo 68 esemplari, vi sono enormi differenze nelle dimensioni e forme delle casse, nel design dei quadranti e nel linguaggio generale delle forme. Questi eccezionali orologi da polso con calendario completo esemplificano l’equilibrio fra tradizione e innovazione così cruciale nel passato, nel presente e nel futuro di Audemars Piguet.

Venti di questi straordinari movimenti sono stati scelti per muovere l’impareggiabile referenza 5504, di cui 19 esemplari sono stati realizzati nel 1948 e venduti fra il 1949 e il 1956 e uno è stato realizzato nel 1959 e venduto nel 1967. Questo eccezionale modello è immediatamente riconoscibile grazie alle dimensioni della sua cassa (37 mm - che per l’epoca erano misure davvero oversize), alla minuteria chiusa circolare con indicazione della data e corrispondente lancetta della data centrale, alla cassa straordinariamente sottile e all’elegante quadrante bicolore. Il giorno della settimana e il mese sono visualizzati in aperture rettangolari simmetriche.

Le fasi lunari con disco della luna in smalto sono affiancate ai piccoli secondi a ore 6.00. Nonostante le dimensioni e l’architettura della cassa (lunetta sottile, anse lunghe), nonché il design del quadrante, siano decisamente inusuali per l’epoca, la referenza 5504 è un segnatempo estremamente equilibrato. Dei 20 esemplari di cui si trova traccia negli archivi, 9 sono attualmente noti al dipartimento Patrimonio Audemars Piguet e fra questi ve ne sono 4 conservati nel museo della Maison.

L’altro orologio circolare mosso dal calibro 9/10RSQ, il referenza 5513, è all’opposto del 5504 per quanto riguarda il design. Mentre il 5504 è largo 37 mm, insolito e molto stilizzato, la referenza 5513 è compatta - misura poco più di 31 mm - e presenta un’indicazione della data molto più tradizionale.

La cassa della referenza 5513 è contraddistinta da una lunetta pronunciata e da anse spesse. Nonostante le sue dimensioni ridotte, il calendario è di facile lettura: ampi quadranti supplementari a ore 12 per la data e a ore 6 per le fasi lunari insieme ai piccoli secondi; quadranti supplementari più piccoli a ore 9 per i giorni della settimana e a ore 3 per il mese.

Fra il 1945 e il 1950 sono stati prodotti diciannove esemplari della referenza 5513, poi venduti fra il 1951 e il 1967. Secondo gli archivi, 11 di essi avevano la cassa di oro giallo, 4 di oro bianco e 3 di oro rosa. Solo 4 dei 19 esemplari sono attualmente noti al dipartimento Patrimonio, fra cui uno acquistato di recente dal museo e fotografato nella brochure "Orologi da polso con calendario Audemars Piguet 1924 - 1993".

In un periodo in cui le complicazioni erano principalmente disegnate per gli orologi circolari, Audemars Piguet ha introdotto due modelli con calendario completo quadrati, dal design marcatamente architettonico. Entrambi questi modelli hanno avuto molto successo con Cartier. Il primo - referenza 5514 - è stato realizzato fra il 1945 e il 1950 in un totale di 22 esemplari. Sono state prodotte sostanzialmente due versioni della referenza 5514: la prima è stata venduta fra il 1950 e il 1959 e presentava anse a goccia rastremate, mentre la seconda è stata venduta fra il 1960 e il 1967 ed era dotata di anse dritte più tradizionali.

Nonostante le sue dimensioni ridotte, il calendario è di facile lettura: ampi quadranti supplementari a ore 12 per la data e a ore 6 per le fasi lunari insieme ai piccoli secondi; quadranti supplementari più piccoli a ore 9 per i giorni della settimana e a ore 3 per il mese. La maggior parte di questi segnatempo avevano casse di oro giallo, tuttavia gli archivi confermano l’esistenza di un paio di esemplari di oro rosa e oro bianco. I quadranti della referenza 5514 erano contraddistinti da indici delle ore applicati o da numeri arabi di oro applicati.

L’ultimo modello dotato del calibro 9/10RSQ è stato l’insolita referenza 5515.

Questo orologio è stato prodotto in nove esemplari, tuttavia solo sette di essi impiegavano il calibro 9/10RSQ, mentre due erano dotati del calibro di generazione precedente 10GHSM.

I sette esemplari con calibro 9/10RSQ sono stati realizzati fra il 1949 e il 1950 e venduti fra il 1950 e il 1960.

Le casse della referenza 5515 sono molto simili come forma e design alla prima serie della referenza 5514 - che presenta casse quadrate da 25 mm con anse a goccia rastremate, di grande impatto. Tuttavia gli originali quadranti della referenza 5515 sono progettati come quello circolare e imponente della referenza 5504 - contraddistinto dalla minuteria chiusa circolare con indicazione della data e corrispondente lancetta della data centrale, giorno della settimana e mese indicati in aperture rettangolari simmetriche e fasi lunari affiancate ai piccoli secondi a ore 6.00.