ART BASEL

Audemars Piguet

FIERI PARTNER DI ART BASEL

Audemars Piguet è international associate partner di Art Basel e dal 2013 presenta innovativi concept per i suoi spazi presso la Collectors Lounge di Hong Kong, Basilea e Miami Beach. Le opere d’arte esposte e gli spazi in cui sono presentate sono parte integrante di una serie di collaborazioni con artisti e designer chiamati a esprimere le origini culturali e geografiche del marchio. Le opere rappresentano l'interpretazione dell'artista del luogo d'origine della Manifattura tra le vette del Giura svizzero, riflettendone il rispetto per una storia profondamente radicata nel territorio, i legami con la natura e l'impegno verso creatività, innovazione e spirito d’indipendenza.

LA LOUNGE 2019:

The Vallée

Progettato dal designer e artista di Brooklyn Fernando Mastrangelo, il nuovo lounge concept 2019 invita i visitatori a immergersi nella Vallée de Joux attraverso la fluida giustapposizione di diverse texture e tonalità. Il design della lounge viaggerà per tutte le edizioni Art Basel 2019, per poi continuare la sua evoluzione nel 2020.

Muri di roccia sedimentaria, vetrine e mobilio realizzati con materiali granulari, quali sabbia, salgemma, silice, calcare e frammenti di roccia provenienti dalla Vallée de Joux: Mastrangelo propone un design immersivo che, scomponendo e ricomponendo la natura e il tempo, rievoca la storia di Audemars Piguet ben radicata nella Vallée de Joux e l’intricato processo dell’Alta Orologeria, dalle risorse naturali all’assemblaggio finale del movimento dell’orologio e della cassa.

Al centro dell’installazione, uno spazio dedicato al relax, a lasciarsi trascinare via lontano, in un’esperienza piacevolmente disorientante, circondati dalle montagne svizzere del Giura al tramonto e a scoprire, in un'abetaia plasmata in silice e sabbia, i 13 esemplari della collezione Code 11.59 di Audemars Piguet nonché una selezione di orologi storici dalle forme e dai design non convenzionali. L’architettura di questo spazio semichiuso evoca costantemente le geometrie rotonde e ottagonali della cassa dell’ultima collezione della Manifattura.

The Vallée

Fernando Mastrangelo

Fernando Mastrangelo è un artista contemporaneo che lavora a Brooklyn, specializzato in design di interni, scultura e architettura. Lasciandosi ispirare da paesaggi, persone e politica, Mastrangelo sperimenta nel suo lavoro forme, materiali naturali granulari e contenuti per creare un universo in cui natura, texture e condizione umana siano sovrapposte e interconnesse. Con un occhio di riguardo per la prossima generazione, l’artista ospita dal 2017 “In Good Company”: un’esposizione dedicata a un gruppo selezionato di artisti e designer emergenti.

L’OPERA D’ARTE

Jana Winderen, Du Petit Risoud aux profondeurs du Lac de Joux

“Du Petit Risoud aux profondeurs du Lac de Joux”, la composizione sonora site-specific di Jana Winderen presentata all’Art Basel nella lounge Audemars Piguet progettata da Fernando Mastrangelo, trasporta i visitatori in un viaggio acustico attraverso il paesaggio della Vallée de Joux, la culla della Maison orologiera. Insieme, le opere di Winderen e Mastrangelo offrono ai visitatori un’esperienza sensoriale immersiva, con le montagne del Giura svizzero come sfondo.

scopri il progetto>

LA LOUNGE 2018:

Foundations

Il sorprendente design di Sebastian Errazuriz raggiungerà nel 2018 tutte e tre le sedi di Art Basel, luoghi in cui sin dal 2013 Audemars Piguet ha presentato concept innovativi nella Collectors Lounge.

Intitolato “Foundations”, il design immersivo di Errazuriz per il 2018 si fonda sui minerali di ferro, la risorsa naturale alla base dell’acciaio e tra le principali materie prime utilizzate in orologeria. L’installazione dinamica sospende centinaia di pietre stampate in 3D, scansionate e modellate a mano che si muovono in perfetta sincronia ed evocano la Vallée de Joux, patria di Audemars Piguet, tra le montagne del Giura svizzero. Un design in evoluzione che parte dai precedenti lounge concept, ispirati ad altre due materie prime originarie della Vallée de Joux: il ghiaccio (“Ice Cycle”, 2016) e il legno (“Second Nature”, 2017).

La lounge di quest’anno rivela una selezione di segnatempo curata dal Museo Audemars Piguet composta da orologi d’epoca e contemporanei, che pone l’accento sulla collezione Royal Oak Offshore per la celebrazione del 25° anniversario, ma anche un eccezionale assortimento di modelli Millenary caratterizzati da materiali e finiture innovativi.

Foundations

SEBASTIAN ERRAZURIZ

Nato in Cile e attivo a New York, Sebastian Errazuriz, designer e attivista, ha ricevuto il plauso internazionale per il suo lavoro originale e provocatorio in vari campi. Dedicate ai soggetti più diversi, dalla grafica su temi politici ai giganteschi progetti di arte pubblica, dai mobili sperimentali al design di prodotto e dalle calzature da donna alle motociclette, le opere di Sebastian sono sempre sorprendenti e avvincenti, e invitano l’osservatore a concedere un nuovo sguardo a realtà spesso nascoste che però si manifestano sotto i suoi stessi occhi.

L’OPERA D’ARTE

Tomas Saraceno per Aerocene Albedo

Audemars Piguet presenta Tomàs Saraceno per Aerocene, una nuova fronte oceanoche dialoga con l'ambiente, caratterizzata da ombrelli solari riflettenti, sculture fluttuanti e performance quotidiane a energia aero-solare, che si interroga su come potrebbe essere la vita una volta conclusa l’era dei combustibili fossili.

TOMÁS SARACENO

Audemars Piguet presenta una collaborazione con Tomàs Saraceno per il progetto Aerocene in occasione di Art Basel Miami Beach 2018, invitando l’artista argentino a mettere in scena “Albedo”, l’ultimo dei suoi esperimenti artistici multidisciplinari con la Fondazione Aerocene. Questa presentazione coincide con un’importante mostra individuale attualmente in corso al Palais de Tokyo a Parigi.

L’OPERA D’ARTE

QUAYOLA, PROMENADE

QUAYOLA

Quayola ha creato una serie di stampe ad altissima risoluzione, composte da miliardi di puntini microscopici catturati tramite scansioni ultra precise e grazie a voli con droni effettuati sulle foreste isolate della Vallée de Joux nel Massiccio del Giura. Contemplando gli ambienti naturali grazie a questi apparecchi altamente tecnologici, Quayola ha dato nuove interpretazioni al “paesaggio” tradizionale del luogo natale di Audemars Piguet.

L’OPERA D’ARTE

Semiconductor, Halo

HALO è la quarta Commissione d'Arte Audemars Piguet, un'installazione su larga scala creata dal duo di artisti britannici Semiconductor (Ruth Jarman e Joe Gerhardt), in collaborazione con la curatrice ospite Mónica Bello, Direttrice Artistica e prima curatrice al CERN, il laboratorio europeo per la fisica delle particelle. L'installazione visiva e acustica circonda i visitatori con milioni di informazioni raccolte dall'esperimento più grande e potente al mondo, il Large Hadron Collider.

scopri il progetto>

LA LOUNGE 2017:

SECOND NATURE

Nel 2017 Audemars Piguet ha collaborato per il secondo anno consecutivo con l’artista e designer cileno Sebastian Errazuriz alla creazione di uno stand concettuale presso la Collectors Lounge. Errazuriz ha ideato uno spazio che evoca le foreste della Vallée de Joux, messo in risalto da una scultura raffigurante un albero realizzato in legno con tecniche tradizionali e all’avanguardia al tempo stesso. La lounge, intitolata "Second Nature", evolve seguendo il naturale trascorrere delle stagioni, presentando un aspetto e un carattere diverso a ogni esposizione di Art Basel nel corso dell'anno.
La lounge di quest'anno presenta una selezione di segnatempo curata dal museo Audemars Piguet, che riunisce orologi sia d'epoca sia contemporanei, e si concentra sulle complicazioni con i calendari perpetui, le decorazioni e le finiture, tra cui la tecnica fiorentina di martellatura, e l'incastonatura.

Second Nature

L’OPERA D’ARTE

LARS JAN, Slow-Moving Luminaries

Per la Commissione 2017 - la terza della serie - l'artista di Los Angeles Lars Jan, ha immaginato un'installazione immersiva su più livelli per la spiaggia di Miami Beach. Il progetto, presentato durante Art Basel Miami Beach, sviluppato nel corso di oltre un anno di lavoro con il supporto della curatrice ospite Kathleen Forde, dialoga con il paesaggio circostante sollevando al contempo preoccupazioni universali circa il nostro futuro.

scopri il progetto>

L’OPERA:

CHENG RAN, CIRCADIAN RHYTHM

CHENG RAN

Associando le origini di Audemars Piguet ai propri codici artistici, Cheng Ran ha creato una magnifica installazione video, ambientata nella Vallée de Joux, che trasporta lo spettatore attraverso paesaggi visivi e sonori, lungo corsi d'acqua, in mezzo a foreste muschiose e nel microcosmo dell'orologeria.
L’artista cinese Cheng Ran è noto al pubblico per aver oltrepassato i confini della video art attraverso le sue installazioni che attingono copiosamente alla cultura e alla storia cinese e occidentale. Spesso, nei suoi progetti, la rappresentazione visiva sostituisce il racconto.

scopri il progetto >

LA LOUNGE 2016:

Ice Cycle

Ispirata alle formazioni di ghiaccio e ai bellissimi inverni innevati della Vallée de Joux, la prima lounge di Sebastian Errazuriz per Audemars Piguet esprime la purezza della natura e il trascorrere del tempo. Con l'acqua e il ghiaccio come elementi tematici dominanti, lo stand è una rappresentazione figurativa del concetto del “Ice Cycle” come metafora del tempo. Fra le proposte che compongono l’esperienza offerta dalla lounge, Audemars Piguet espone una selezione di orologi storici e contemporanei, che permetterà di esplorare tre categorie dell’arte orologiera d’eccezione: orologi scheletrati ricchi di minuziosi dettagli, lussuosi orologi di alta gioielleria tempestati di pietre preziose e avanguardistici orologi da polso con ripetizione minuti.

2016

SUN XUN, RECONSTRUCTION OF THE UNIVERSE

Per la seconda Commissione artistica Audemars Piguet, la nuova, grande opera d’arte realizzata dall’artista Sun Xun è stata presentata ad Art Basel Miami Beach 2016, in una location fronte oceano.

L’artista cinese ha attinto a tutto il suo arsenale artistico multidisciplinare per realizzare il grande ambiente immersivo.
Oltre all’animazione 2D e 3D, l’opera riunisce xilografie tradizionali, disegni a inchiostro, vari elementi architettonici e di design, e un accompagnamento musicale.

scopri il progetto >

L’OPERA:

Dan Holdsworth, La Vallée de Joux

DAN HOLDSWORTH

I dettagli di una nuova serie di opere fotografiche di Dan Holdsworth sono stati mostrati in anteprima presso lo stand Audemars Piguet nella Collectors Lounge, in occasione del salone Art Basel di Basilea. Queste opere fotografiche esplorano le peculiari formazioni geologiche della Vallée de Joux nel Giura, terra d’origine di Audemars Piguet. Con riferimento ai tempi biblici con cui queste formazioni rocciose si sono formate, le opere invitano lo spettatore a reimmaginare il proprio rapporto con il tempo. Opera attualmente esposta presso la Galleria Scheublein+Bak, Zurigo.

scopri il progetto >

LA LOUNGE 2015:

MINERAL LAB II

Il nuovo concetto di lounge del designer francese Mathieu Lehanneur, MINERAL LAB, è stato creato per la prima volta nel 2014. La versione aggiornata per l'edizione 2015 ha cambiato stagione, dall’inverno alla primavera, integrando un eco-muro nonché un’installazione sonora, commissionata all’artista francese Alexandre Joly.
Infine, la mostra ha presentato una selezione di pregiati orologi storici e contemporanei da donna dal 1900 al 2015.

MATHIEU LEHANNEUR

"Mineral Lab" di Mathieu Lehanneur è stato presentato nel 2014 e aggiornato per la lounge Audemars Piguet 2015. Noto per essere una figura eminente della scena del design internazionale, Lehanneur associa in modo innovativo design, scienza, arte e tecnologia come componenti poetici-comunicativi per creare progetti umanistici e ottenere il massimo benessere per l'essere umano.

2015

ROBIN MEIER, SYNCHRONICITY

In concomitanza con Art Basel tenutasi a Basilea nel giugno 2015, è stata svelata una nuova e importante opera di Robin Meier per inaugurare la Commissione artistica Audemars Piguet. Incentrata sul tema della sincronia e dei cicli che emergono spontaneamente in natura, l’installazione di Meier ha messo in relazione campi ed entità eterogenei armonizzando suoni, lucciole e grilli con un unico ritmo pulsante. Le installazioni e le composizioni sonore di Meier si sono focalizzate sull’intelligenza artificiale e naturale come espressione di auto organizzazione o d’intelligenza collettiva.

scopri il progetto >

L’OPERA:

Alexandre Joly, Wild Constellations

Alexandre Joly

La pratica di Alexandre Joly è legata alla creazione di suoni.
Producendo installazioni e performance in-situ egli combina elementi visivi e sonori.
Per Art Basel 2015 a Hong Kong, Basilea e Miami l’artista ha creato un nuovo brano sonoro integrato in un muro vegetale.
Si tratta della registrazione dei rumori della natura e dell’industria nella Vallée de Joux , nonché nella Manifattura e nel museo Audemars Piguet: il vento fra gli alberi, il ghiaccio che si spezza e il ticchettio del movimento di un orologio.

LA LOUNGE 2014:

MINERAL LAB

Il concetto di lounge "Mineral Lab" del 2014 di Mathieu Lehanneur esplora i temi della tecnologia e della natura. Dai cubi di ghiaccio high-tech alle autentiche rocce svizzere della Vallée de Joux modellate secondo un procedimento archeologico e la tecnica della “stampa su pietra”, Lehanneur ha attinto al "savoir-faire” dell’arte orologiera di precisione per creare la sua nuova versione della natura.
Lo stand Audemars Piguet del 2014 ha presentato una retrospettiva della leggendaria collezione Royal Oak Offshore da 42 mm, insieme ad altri importanti esemplari dalle origini del marchio nel XIX secolo fino ai giorni nostri.

2014

Strandbeests di Theo Jansen

Avendo assistito al primo importante tour americano di "Strandbeests" di Theo Jansen, Audemars Piguet ha collaborato con il Peabody Essex Museum (PEM) per presentare una mostra all’aperto delle "Strandbeests" durante Art Basel Miami Beach nel 2014. L’esposizione ha riunito l’Animaris Suspendisse, lungo quasi 13 metri, una riproduzione dell’atelier sulla spiaggia di Theo Jansen e una mostra di fotografie delle "Strandbeests", firmate Lena Herzog. Ogni giorno, sono state organizzate dimostrazioni delle creature mosse dal vento lungo la spiaggia.

scopri il progetto >

L’OPERA:

Kurt Hentschläger, MEASURE

In occasione dell’edizione 2014 di Art Basel, Kurt Hentschläger ha creato un cortometraggio atmosferico nella Vallée de Joux per Audemars Piguet.
Il film ritrae la convivenza fra natura e tecnologia, esplorando il modo in cui ognuno di questi elementi può ispirare e influenzare l’altro.
Questo artista austriaco stabilitosi a Chicago lavora prevalentemente con media temporali, luce e suono, spesso declinati su scala architettonica.

scopri il progetto >

LA LOUNGE 2013:

From Avant-garde to Icon

Per inaugurare la lounge di Audemars Piguet ad Art Basel, il designer francese Sebastien Leon Agneessens ha creato un ambiente per presentare ai visitatori il luogo d’origine di Audemars Piguet, Le Brassus. La lounge ha riunito una selezione di segnatempo storici e contemporanei, tra cui alcuni esemplari d’eccezione della mostra itinerante internazionale del 2012, "From Avant-garde to Icon". Questa mostra ha celebrato il 40°anniversario dell’iconico segnatempo Royal Oak, che rivoluzionò l'alta orologeria.

SEBASTIEN LEON AGNEESSENS

Designer e artista francese, stabilitosi a Los Angeles, Sebastien Leon Agneessens testa la fisicità e i suoni dello spazio e del tempo con disegni piegati che può stendere all’infinito, dipinti, e sculture che risuonano tra le dita. La suo opera si fonda su una visione dell'arte come strumento di provocazione, di piacere e d’indagine, tanto quanto una rappresentazione della realtà.

2013

Kolkoz, Curiosity

In occasione di Art Basel Miami Beach 2015, Audemars Piguet ha presentato una grande installazione creata dal duo di artisti francesi Kolkoz, intitolata "Curiosity", una gigantesca scultura gonfiabile che galleggiava sulle tiepide acque turchesi della Biscayne Bay a Miami. Lo chalet è stato ormeggiato vicino al Miami Marine Stadium, un capolavoro modernista non più in attività, che una volta ospitava gare di imbarcazioni a motore prima di essere parzialmente distrutto da un uragano.

scopri il progetto >

L’OPERA:

Dan Holdsworth, La Vallée de Joux

Da sempre il fotografo britannico Dan Holdsworth è impegnato in una ricerca volta a esplorare climi e luoghi geografici remoti. Nella serie di fotografie"La Vallée de Joux", esposta nella lounge di Art Basel 2013, Holdsworth ha catturato lo straordinario panorama naturale della Vallée de Joux, una delle regioni forestali più remote e incontaminate d’Europa. Il fotografo coglie le interazioni tra tempo e luce, e la relazione cosmica esistente tra la sperduta regione e il tempo.

scopri il progetto >