Vedi le ultime storie

L’Alta Orologeria richiede pazienza e tempo, basandosi su tecniche ancestrali e gesti meticolosi, la maggior parte dei quali ancora eseguiti a mano. Decodifichiamo le centinaia di ore per creare un orologio Audemars Piguet.

Fedele allo spirito avanguardista dei suoi fondatori, Audemars Piguet privilegia una produzione limitata e una rete di distribuzione altamente selettiva. L’obiettivo è quello di fornire ai clienti segnatempo che soddisfino i più alti requisiti in termini di rispetto della tradizione, materiali unici e abilità tecnica orologiera. Già nel 1875, in un momento in cui il boom industriale segnò l’inizio della produzione in serie, Jules Louis Audemars e Edward Auguste Piguet preferirono dedicarsi alla produzione manuale di meccanismi complicati e si specializzarono in meccanismi con suoneria, cronografi e complicazioni astronomiche.

Realizzato su ordinazione, ogni pezzo era unico e prodotto in quantità estremamente ridotte. I fondatori di Audemars Piguet, che facevano parte della rete di artigianato familiare sviluppatosi nella regione nota come établissage, collaborarono con i migliori produttori locali di quadranti, casse e bracciali del settore. Decorato e assemblato a mano, ogni orologio era il risultato di una combinazione di talenti e competenze che riuniva tradizione e innovazione.

Si dice spesso che i numeri sono più forti delle parole. I designer e gli ingegneri della Manifattura hanno impiegato due anni per sviluppare
la nuova cassa del Royal Oak. Due anni di step successivi dalla prima idea allo schizzo su carta, dai disegni al computer ai prototipi in cera, fino al prodotto finito. L’obiettivo era sempre quello di ottimizzare l’ergonomia dell’orologio, rendendolo ancora più confortevole al polso. Quindi, la cassa è stata ridisegnata con smussature più ampie nella parte superiore e inferiore. 

Sui nuovi modelli del 50° anniversario, questa raffinata evoluzione mette in evidenza i contrasti e i giochi di luce creati dall’alternanza delle finiture lucide e satinate realizzate a mano, emblematiche della collezione Royal Oak.

Un’evoluzione del design

I dettagli ottimizzati risaltano anche sul display del quadrante. Gli indici e le lancette sono stati armonizzati in relazione ai diversi diametri. La nuova firma in rilievo applicata di Audemars Piguet in oro lucido è posizionata a ore 12. La produzione di questo minuscolo logo richiede molto tempo data la sua complessità. Realizzato con sottili strati d’oro 24 carati, questo logo è ottenuto mediante accrescimento galvanico, un processo simile alla stampa 3D. Le lettere che compongono la firma di Audemars Piguet sono collegate tra loro mediante fili d’oro sottili come
un capello e posizionate manualmente sul quadrante con minuscoli piedini quasi invisibili a occhio nudo.

Uno schizzo finito del dipartimento di design di Audemars Piguet avvia un processo complesso che coinvolge un centinaio di persone tra cui project manager, costruttori, disegnatori, sviluppatori di prototipi, coordinatori dello sviluppo... Per ogni nuova referenza, numerosi team lavorano fianco a fianco per portare avanti il progetto. Persino il bracciale del nuovo Royal Oak Automatico da 37 mm in acciaio ha comportato molteplici specializzazioni manuali dal design delle sue esclusive prime quattro maglie a forma trapezoidale fino all’assemblaggio, inclusa la smussatura e la lucidatura di maglie e anse.

Un logo d'oro unico in accrescimento galvanico

Il Calibro 7121 ha avuto il vantaggio di associare le competenze dei nostri ingegneri e orologiai. Questa collaborazione tra i vari dipartimenti ha condotto alla creazione di un robusto e potente movimento a carica automatica extra-piatto che si adatta perfettamente alla struttura slanciata della cassa del Royal Oak “Jumbo”, aprendo la strada a una nuova generazione di movimenti in-house firmati AP.

Lucas Raggi

Direttore Ricerca e Sviluppo

Da Audemars Piguet, estetica e tecnica sono inseparabili. Il design d’avanguardia sposa la maestria meccanica e insieme danno vita
al cuore dell’orologio. Per capire quanto tempo occorre per realizzare il Calibro 4401, basta guardare attraverso il fondello in vetro zaffiro del Royal Oak Cronografo da 41 mm e osservare le centinaia di minuscoli componenti e ogni lancetta rifinita con meravigliose decorazioni.
Il calibro presenta un cronografo integrato che incorpora la funzione flyback, un meccanismo di cambio data istantaneo, un sistema di accoppiamento verticale e una ruota a colonne integrata. Questo movimento ha richiesto centinaia di ore di lavoro prima di vedere la luce del giorno...

I cinque anni dedicati allo sviluppo del Calibro 7121 hanno conosciuto diverse fasi di ideazione, validazione, qualificazione e omologazione.
Il risultato è stata la costruzione di un movimento più robusto ed efficiente che adotta l’architettura dei modelli di Royal Oak “Jumbo” Extra-Piatto senza compromettere l’estetica o la sottigliezza della cassa. Tra le innovazioni di questo calibro ci sono un bariletto più ampio (per una maggiore precisione), una massa oscillante “50-years” montata su cuscinetti a sfera (per facilitare l’avvolgimento bidirezionale), un bilanciere con blocchi di inerzia incorporati nello spessore (per un minore attrito) e un meccanismo brevettato di impostazione della data ultra-piatto a basso consumo energetico.

Assemblaggio della massa oscillante del Royal Oak 15551ST

Ci sono voluti sei mesi di sviluppo prima di avviare il processo di produzione in dieci fasi della nuova massa oscillante realizzata per il 50° anniversario della collezione Royal Oak.

La massa oscillante “50-years” dedicata, sviluppata per l’anniversario del Royal Oak, ha richiesto 4 mesi di design (dal primo tratto di matita
al disegno tecnico), e sei mesi di sviluppo prima della produzione finale. Ora integrata in tutti i nuovi modelli anniversario, questa speciale massa oscillante è abbinata al colore della cassa e presenta l’alternanza di finiture lucide e satinate. Le sue dimensioni imponenti e le sue linee eleganti vengono esaltate dal logo del 50° anniversario e dalla firma
incisa di Audemars Piguet.

Una massa oscillante per il 50° anniversario

Prima il colore. Un verde cachi profondo e affascinante che sembra muoversi con la luce riflessa. Questo colore unico per Audemars Piguet veste il quadrante con motivo Grande Tapisserie del nuovo Roya lOak Cronografo Automatico da 41 mm in oro rosa, così come gli orologi a carica automatica da 37 mm e 41 mm. Ci sono voluti diciotto mesi di prove e ricerche prima che gli artigiani della Manifattura arrivassero all’esatta tonalità di verde desiderata che ricordasse le sfumature scintillanti delle foreste di abeti rossi di Le Brassus. I contatori color cachi abbinati sono ulteriormente messi in evidenza da indici e lancette in oro rosa.

Richiamando il Royal Oak del 1972, alcune referenze dell’edizione anniversario si rifanno all’emblematica tonalità Bleu Nuit, Nuage 50 di quel famoso primo quadrante. In origine, questo blu era ottenuto per immersione in bagno galvanico, processo che a volte si rivelava rischioso in termini di resa cromatica finale. Fu necessario un intero anno per riprodurre la tonalità originale, un blu brillante ora ottenuto grazie ad un processo chiamato PVD (Physical Vapor Deposition) che garantisce un colore omogeneo su tutti i quadranti e un’ottima durevolezza nel tempo.